Recensione Symantec Norton 360

Il noto software per la sicurezza informatica Symantec Norton 360 arriva allaversione 6.0. Con questo prodotto, che offre una protezione completa dalle minacce che da più parti tentano di attaccare il PC, Symantec offre uno strumento di sicurezza estremamente migliorato nelle prestazioni. La sua installazione è rapida e procede in modo fluido senza problemi. Il programma è in grado anche di rimuovere eventuali altri antivirus precedentemente installati sul computer.

Una volta avviato si presenta con un’interfaccia molto semplice, intuitiva e anche gradevole. Sono presenti una serie di pulsanti che consentono di accedere rapidamente a tutte le funzionalità offerte: Sicurezza PC, Informazioni personali, Backup, Ottimizzazione PC.

Symantec Norton 360 6.0

Il punto di forza di Symantec Norton 360 6.0 è naturalmente la protezione del sistema. Oltre a intercettare ed eliminare i virus, è in grado di alzare una barriera dalle minacce online, proteggendo l’utente dai furti di identità e dai keylogger, bloccando i siti di phishing e analizzando la bacheca di Facebook. Il sistema di protezione blocca i pericoli presenti nella rete neutralizzandoli prima ancora che possano raggiungere il computer per infettarlo. Non poteva ovviamente mancare la gestione di protezione minori che permette di controllare le attività online degli adolescenti tramite Norton Online Family, per proteggerli dai pericoli della rete. Questa funzionalità consente di acquisire informazioni su quali siti Web vengono visitati dai ragazzi, permettendo eventualmente il blocco di pagine web giudicate inappropriate.

Continua la lettura ed effettua il download su PCSELF.COM

Malware, l’Italia è terza in Europa

Un altro primato italiano, in particolare di Roma, del quale il Belpaese e noi tutti avremmo fatto volentieri a meno. Secondo l’Internet Security Threat Report di Symantec, l’Italia è arroccata al terzo posto in fatto di malware. Roma, inoltre, è la quinta città al mondo (la prima in Italia) per numero di computer infetti utilizzati come “zombie”, ossia macchine sulle quali è installato codice malevolo (all’insaputa dei proprietari) controllate in remoto dal cyber crimine per lanciare attacchi informatici verso terze parti. Nella top five italiana, la Capitale è seguita nell’ordine da Milano, Cagliari, Arezzo e Torino.

Dal rapporto di Symantec emerge che l’Italia genera il 3% di tutto lo spam mondiale e il 5% di quello legato alle regioni Emea (Europa, Medio Oriente e Africa). Evidentemente i criminali hanno trovato terreno fertile visto che il 4% degli host che inviano posta elettronica indesiderata su scala mondiale e il 2% dei siti di phishing è localizzato nel nostro Paese.

Il report evidenzia inoltre l’aumento dei rischi legati alle piattaforme mobile (smartphone e tablet), che in un solo anno hanno visto emergere milioni di nuove minacce. Il malware più frequente nel segmento mobile è finalizzato al furto di informazioni, di identità e al superamento delle protezioni per le transazioni on line.

Symantec mette in guardia sui finti antivirus

I falsi software antivirus rappresentano per il cyber-crimine una attività molto redditizia. Symantec ha rilevato che, tra il primo luglio 2008 e il 30 giugno 2009, sono stati registrati 43 milioni di tentativi di installazione di oltre 250 finti programmi antivirus diversi, con un guadagno spropositato, considerando che una simile truffa arriva a costare tra i 30 e i 100 dollari a “vittima”.

Nel corso del tempo sono andate via via raffinandosi le tattiche di ingegneria sociale utilizzate dai truffatori per cercare di convincere le vittime coinvolte a consegnare loro denaro. Il software relativo al falso antivirus denominato Live PC Care, ad esempio, arriva addirittura ad offrire supporto in linea per adescare le potenziali vittime. Una volta che l’utente cade nella trappola e lo installa sul PC, vede comparire delle schermate che allertano della presenza di virus sul sistema. Su questa videata trova posto la vera “chicca”: un pulsante che rimanda al “supporto on-line“!

La videata del falso antivirus Live PC Care

Leggi tutto… >>

USA: milioni di PC in pericolo per falsi antivirus

Symantec lancia l’allarme: milioni di PC sono infettati dall’installazione di software antivirus fasulli.

Stando a quanto asserito  dagli esperti dell’azienda, sono stati identificati ben 250 software diversi che vengono offerti agli utenti come soluzione ai problemi di sicurezza del proprio PC.

La cosa non è nuova, le modalità di diffusione di questi falsi antivirus sono note: durante la navigazione ci si imbatte in falsi avvisi in cui si afferma che è stato rilevato un virus nel computer, con l’invito a scaricare e installare un software specifico al fine di “sanare”  il sistema.

L’inganno sembra andare a buon fine in moltissimi casi, tanto che si contano ben 43 milioni di tentativi di download. Il trucco spesso è ben congegnato poichè i nomi dei falsi antivirus sono credibili e gli utenti meno accorti cadono spesso nella trappola.

Il fenomeno è ovviamentemolto inquietante e pericoloso, perché non solo questi software sono del tutto inutili nel garantire protezione, ma soprattutto perché sono costruiti per attaccare essi stessi il sistema, con danni che in certi casi possono anche essere elevati, come spiegato da Symantec per voce di Vincent Weafer:

Un sacco di volte, nei fatti sono un sistema per consentire a intrusi di penetrare nella vostra macchina. Prenderanno i dati della carta di credito, ogni informazione personale che avete inserito e avranno il controllo della vostra macchina.

Danni evidenti cui si aggiunge la beffa, per alcuni utenti, di aver addirittura pagato per poter scaricare simili programmi, andando ad arricchire questo giro d’affari che sarà stato anche abbastanza cospicuo se è vero che negli USA i computer così infettati da software con nomi come Antivirus 2010, SpywareGuard 2008 e simili sono stati decine di milioni.

Symantec: antivirus gratis non sempre adeguati contro i pericoli del Web

Le soluzioni di sicurezza gratuite per la protezione dei sistemi stanno creando probabilmente qualche difficoltà ad alcune aziende del settore. Le ultime notizie che danno per certo l’arrivo di un nuovo prodotto antivirus gratuito anche da parte di Microsoft preoccupano molte aziende ben affermate, come Symantec, che pubblica una dichiarazione rilasciata da David Hall, product manager dell’azienda, proprio avente come tema le soluzioni antivirus gratuite, come Microsoft Security Essentials.

Secondo Hall, se gli utenti di un sistema operativo si basano esclusivamente su un antivirus gratuito per preservare la sicurezza propria e dei propri dati personali, non sempre hanno la protezione adeguata per evitare furti d’identità e rimanere completamente al sicuro dai pericoli di Internet.

Secondo il product manager di Symantec c’è un divario crescente negli utenti riguardo alle proprie necessità di protezione e la realtà delle minacce che potrebbero incontrare durante una navigazione.

Symantec Norton 360 3.0

Symantec Norton 360 3.0 è la terza release di Norton 360, la nota suite di sicurezza e protezione, che integra anche moduli riferiti al backup dei dati e all’ottimizzazione del PC. La soluzione di Symantec conserva la sua tradizionale affidabilità e semplicità di utilizzo, oltre alle funzionalità di sicurezza di ottimo livello.

La semplice interfaccia di Symantec Norton 360 3.0

L’ultima versione di Symantec Norton 360 si dimostra assolutamente brillante e rapida nell’installazione (richiede circa 1 minuto). Se durante il setup vengono rilevati problemi di sicurezza, viene effettuata una prima pulizia per poter portare a termine l’installazione delegando ad una fase successiva le operazioni più approfondite.

Symantec Norton 360 3.0, per la scansione, si affida alla funzione Norton Insight che confronta le applicazioni presenti sul sistema con un database (continuamente aggiornato) contenente software ritenuto affidabile e conosciuto. Questa funzionalità abbrevia enormemente i tempi di scansione rispetto al passato.

In Symantec Norton 360 3.0 è presente anche un ottimo firewall che esegue egregiamente il suo lavoro abilitando le applicazioni affidabili e bloccando quelle identificate come malevoli. Molto valido anche il modulo antispyware che riconosce e blocca il malware in una altissima percentuale di casi. Migliorate le funzioni di protezione della privacy e della navigazione in rete che includono una valutazione dei siti legati all’e-commerce. Straordinariamente efficiente il sistema di gestione dell’identità e delle password che porta Symantec Norton 360 3.0 a primeggiare su software specifici. Sufficienti, ma non eccezionali, le prestazioni antispam e parental control per la protezione dei minori.

Leggi la recensione completa e i giudizi

Fonte PCSELF.COM

Lo spam costituisce il 90% di tutte le email

La percentuale di posta indesiderata ha toccato ormai livelli preoccupanti: il 90,4% di tutte le email, con un incremento del 5,1%. Lo rivela uno studio di Symantec. Gli attacchi ora sono rivolti verso portali di social networking, molto apprezzati dai truffatori per la loro natura di rete sociale allargata a tantissimi utenti e parecchio flessibili a causa dei contenuti veicolati dagli utenti stessi all’interno della rete.

Gli spammer che usano i più conosciuti siti Internet per ospitare malware è una reminiscenza degli spammer che si appoggiavano un tempo alle più note Web mail e ai servizi di social network per inviare spam.

Interessante constatare che negli Stati Uniti l’apice della circolazione di email di questo tipo viene rilevato in media sempre tra le 9 e le 10 del mattino, nel nostro continente lo spam è distribuito nel corso dell’intera giornata, mentre in Asia la circolazione di email pubblicitarie avviene maggiormente durante la mattina. Questo è probabilmente caisato dalle differenze di fuso orario tra la località da cui agiscono gli spammer e quella in cui viene ricevuta la posta spazzatura.

A chi non lo avesse ancora fatto non resta che dotarsi di un buon programma antispam, magari gratuito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: