Kaspersky ONE Universal Security protegge PC, Mac, smartphone e tablet con una sola licenza

Kaspersky Lab ha presentato Kaspersky ONE Universal Security, la soluzione di sicuerezza che permette agli utenti di proteggere PC Windows, Mac, smartphone e tablet basati su Android con una sola licenza. La tecnologia di Kaspersky Lab garantisce protezione in tempo reale contro malware e cyber crime. Utilizzare più di un dispositivo per le attività di online banking, shopping, per navigare e chattare in ogni momento, è diventata una pratica molto comune. Gli utenti utilizzano sempre più spesso notebook ma anche smartphone e tablet, che solitamente sono basati su diverse piattaforme sia hardware che software.

L’installazione e l’attivazione di Kaspersky ONE Universal Security è molto semplice, grazie ad un unico codice di attivazione valido per tutti i dispositivi, non è necessario l’aggiornamento della licenza per ogni dispositivo. Gli utenti possono scegliere la versione da 3 o 5 licenze, selezionando la combinazione di dispositivi che si preferisce. Kaspersky ONE Universal Security 5 licenze protegge attraverso un’unica licenza ad esempio un PC a casa, due portatili e due smartphone oppure due tablet, due smartphone e un Mac o due portatili, due smartphone e un tablet.

Kaspersky ONE Universal Security è commercializzato a 69,95 Euro con la licenza di un anno per 3 dispositivi e a 89,95 Euro con la licenza di un anno per 5 dispositivi (versione disponibile solo online).

Fonte PCSELF.COM

Annunci

La Top20 dei malware di Ottobre

Kaspersky Lab sottopone all’attenzione degli utenti la classifica relativa alla diffusione dei diversi tipi di malware in Ottobre. A partire da questo mese, la nostra classifica viene compilata con i dati relativi a tutti i prodotti che dispongono del supporto di KSN: alla versione 2009 abbiamo aggiunto la 2010. Per questo motivo le due Top 20 ottenute dal lavoro di Kaspersky Security Network, sono leggermente cambiate rispetto al solito. Inoltre, in entrambe le Top 20 abbiamo riscontrato una crescita considerevole degli indici, dovuta al fatto che il numero di utenti “guariti” grazie al KSN è aumentato notevolmente.

Nella prima tabella troviamo quei programmi dannosi e potenzialmente indesiderati che sono stati individuati sui computer degli utenti e neutralizzati al primo contatto.

Posizione – Malware –  Variazione – N.  computer infettati
1 Net-Worm.Win32.Kido.ir 3 344745
2 Net-Worm.Win32.Kido.ih -1 126645
3 not-a-virus:AdWare.Win32.Boran.z 0 114776
4 Virus.Win32.Sality.aa -2 87839
5 Worm.Win32.FlyStudio.cu 6 70163
6 Trojan-Downloader.Win32.VB.eql -1 52012
7 Virus.Win32.Induc.a 0 49251
8 Packed.Win32.Black.d Nuovo 39666
9 Worm.Win32.AutoRun.awkp Nuovo 35039
10 Virus.Win32.Virut.ce -3 33354
11 Packed.Win32.Black.a Rientro 31530
12 Worm.Win32.AutoRun.dui -1 25370
13 Trojan-Dropper.Win32.Flystud.yo 4 24038
14 Trojan-Dropper.Win32.Agent.bcyx Nuovo 22471
15 Packed.Win32.Klone.bj Rientro 21919
16 Trojan.Win32.Swizzor.b Rientro 19496
17 Trojan-Downloader.WMA.GetCodec.s Nuovo 18571
18 Worm.Win32.Mabezat.b -4 19708
19 Trojan-GameThief.Win32.Magania.cbrt Nuovo 17610
20 Trojan-Dropper.Win32.Agent.ayqa Nuovo 16909

Net-Worm.Win32.Kido.ir, apparso per la prima volta a settembre, ha raggiunto la vetta della Top 20, spodestando il campione di lungo corso Kido.ih, ulteriore conferma del fatto che le memorie di massa e i dispositivi mobili sono tra le principali fonti d’infezione.
Una parola sui dispositivi mobili: al rappresentante consolidato della categoria, il worm Autorun.dui, si è unito il worm analogo Autorun.awkp, balzato immediatamente al 9° posto. Sotto questo nome si nascondono altri file, che scaricano automaticamente i malware sui dispositivi mobili.
Questo mese abbiamo poi assistito al ritorno di vecchi protagonisti della prima Top 20: Packed.Win32.Black.a, Packed.Win32.Klone.bj e Trojan.Win32.Swizzor.b. Inoltre, a Black.a si è unita la nuova versione: Black.d. Ricordiamo che alla famiglia Packed.Win32.Black appartengono programmi che vengono attivati grazie all’utilizzo di versioni non autorizzate di utility (legali) per la protezione dei file eseguibili. Nella fattispecie si tratta di ASProtect, molto popolare tra i cybercriminali.

Il downloader multimediale GetCodec.s è il fratello di GetCodec.r, del quale abbiamo già parlato a dicembre scorso: si diffonde utilizzando il medesimo worm P2P-Worm.Win32.Nugg.

Torna ad essere attiva la famiglia Magania, un tempo molto nota: a luglio Trojan-GameThief.Win32.Magania.biht è entrato nella Top 20 dei malware più diffusi su Internet. Ad ottobre una nuova versione del malware, Magania.cbrt, insieme al Trojan-Dropper.Win32.Agent.ayqa, anch’esso legato a questa famiglia, sono entrati nella lista dei 20 malware più frequentemente individuati sui computer degli utenti.
Complessivamente, in questo mese, abbiamo riscontrato innanzitutto un’attiva diffusione dei malware attraverso i dispositivi mobili digitali, e anche l’attività di Trojan per giochi on-line, fenomeno per ora non preoccupante ma comunque degno di attenzione.

La seconda tabella descrive la situazione su Internet. In questa classifica si trovano infatti malware che sono stati individuati nelle pagine Web nonché tutti quelli i cui tentativi di caricamento avvengono sempre attraverso le pagine Web.
In questa seconda Top 20, come al solito, la situazione è piuttosto vivace e variegata.

Posizione Malware Variazione
1 Trojan-Downloader.JS.Gumblar.x Nuovo 459779
2 Trojan-Downloader.JS.Gumblar.w Nuovo 281057
3 Trojan-Downloader.HTML.IFrame.sz 0 192063
4 not-a-virus:AdWare.Win32.Boran.z -3 171278
5 Trojan.JS.Redirector.l -3 157494
6 Trojan-Clicker.HTML.Agent.aq -1 118361
7 Trojan-Downloader.JS.Zapchast.m Nuovo 112710
8 Trojan.JS.Agent.aat Rientro 107132
9 Trojan-Downloader.JS.Small.oj Nuovo 60425
10 Exploit.JS.Agent.apw Nuovo 50939
11 Exploit.JS.Pdfka.ti -7 46303
12 Trojan.JS.Popupper.f Nuovo 39204
13 Trojan-Downloader.JS.IstBar.bh -1 34944
14 Trojan.JS.Zapchast.an Nuovo 30546
15 Trojan-Downloader.JS.LuckySploit.q -6 29105
16 Trojan-Downloader.JS.Agent.env Nuovo 27405
17 Trojan-Dropper.Win32.Agent.ayqa Nuovo 26994
18 Trojan-Clicker.HTML.IFrame.mq Rientro 26057
19 Trojan-GameThief.Win32.Magania.bwsr Nuovo 26032
20 Exploit.JS.Agent.anr Nuovo 25517

I primi due posti in classifica li hanno conquistati due nuove versioni del downloader script Gumblar che, apparso alla fine del mese, ha già raggiunto posizioni di testa.

Nelle nuove versioni di Gumblar la tecnologia di infezione dei siti Web è diventata ancora più sofisticata. Nella prima versione le pagine di siti del tutto legali infettavano direttamente il cuore dello script, grazie al quale, all’insaputa del visitatore della pagina, veniva utilizzato uno script situato sul sito del cybercriminale. Oggi nelle risorse Internet compromesse vengono inseriti link a script malware, a loro volta situati su altre risorse Internet perfettamente legali e già infettate, fatto che complica il processo di analisi e pulizia delle reti.

Alcune varianti dello script nascondono al proprio interno il trojan menzionato in precedenza, e al momento dell’esecuzione tentano di scaricare Kates.j sul computer dell’utente e di metterlo immediatamente in esecuzione automatica. Lo scopo principale di questo tipo di infezione è il furto di dati sensibili dell’utente, nella fattispecie quelli utilizzati per l’accesso ai siti Web, che vengono in seguito infettati.

Va detto, nonostante l’attacco effettuato con l’aiuto di Gumblar sia stato progettato in modo molto attento, già nei primi giorni dell’attacco i nostri specialisti sono riusciti a individuare e a collegare in modo efficiente tutti i tasselli del puzzle criminale. La tecnica della suddivisione dello script in diverse parti sta diventando sempre più popolare. In questo mese, dei 20 componenti della classifica dei malware, un quarto è strutturato secondo tale principio: Trojan-Downloader.JS.Zapchast.n, Trojan-Downloader.JS.Small.oj, Exploit.JS.Agent.apw, Trojan.JS.Zapchast.an eTrojan-Downloader.JS.Agent.env.

Inoltre, tra i venti malware più diffusi su Internet sono apparsi Trojan-Dropper.Win32.Agent.ayqa, di cui abbiamo parlato poco sopra, e un esempio di un altro tipo di programma, pensato per il furto delle password dei giochi on-line: Trojan-GameThief.Win32.Magania.bwsr.
Riassumendo, l’evento principale del mese per quanto riguarda Internet si può senza dubbio considerare l’infezione di massa di siti legali attraverso nuove versioni del downloader script Gumblar. In aggiunta a ciò, si riscontra una notevole attività nell’uso di tecnologie di suddivisione degli script in diverse parti per complicarne l’analisi e l’individuazione.

Kaspersky Mobile Security Enterprise Edition

Kaspersky Mobile Security

Kaspersky Mobile Security

Kaspersky Lab annuncia il nuovo Kaspersky Mobile Enterprise Edition. Le aziende da oggi hanno a disposizione una soluzione di sicurezza semplice da usare, e facile da gestire tramite una console di management. Una tecnologia all’avanguardia che permette la crittografia dei dati, il blocco del telefono da remoto, la rimozione dei dati dal telefono in caso di emergenza e la localizzazione GPS per i telefoni smarriti o rubati. Tutti i dati e le informazioni dell’utente sono protetti dalle minacce del cybercrime.

Perché è necessario proteggere gli smartphone aziendali? Dati sensibili relativi al business possono essere danneggiati o rubati da programmi malware scritti per gli smartphone. Un telefono cellulare può essere facilmente vittima di attacchi Internet quando scarica informazioni dalla rete. I dispositivi mobili infetti possono essere utilizzati per penetrare il perimetro della rete di un sistema informatico Corporate.

Kaspersky Mobile Security Enterprise Edition è la risposta per mettere al sicuro le piattaforme aziendali mobili da programmi malware, SMS, Spam e per assicurare una gestione centralizzata del parco mobile Phones. Perdita o furto di Smartphone
Kaspersky Mobile Security Enterprise Edition può bloccare uno smartphone in remoto o cancellare tutti i dati conservati nella sua memoria. Inoltre, se qualcuno sostituisce la SIM, è possibile risalire al nuovo numero.

Kaspersky Mobile Security Enterprise Edition offre:
PROTEZIONE DATI – Se il telefono cellulare viene smarrito o rubato può essere bloccato a distanza (SMS Block) o utilizzando SMS Clean si possono eliminare tutti i dati contenuti in memoria, evitando così che qualche malintenzionato possa utilizzarli.
SIM WATCH – Se nello smartphone rubato o smarrito viene inserita una nuova SIM card, grazie alla tecnologia SIM Watch il telefono cellulare verrà immediatamente bloccato, mentre si riceve a un numero predefinito un SMS indicante il nuovo numero dell’apparecchio. E‘ così possibile continuare ad utilizzare i servizi di SMS Block e SMS Clean.

Protezione dal Cybercrime
Grazie ai moduli di firewall e antivirus, integrati nel prodotto, la difesa contro tutti i tipi di minacce conosciute è garantita. La combinazione di questi due moduli permette una protezione anti-malware in real time mediante uno scan di tutti i files in entrata da tutte le connessioni. Vengono controllati file trasmessi via IR, bluetooth, EMS, da download via browser o durante il resync con un personal computer.

Kaspersky Internet Security 2009 per netbook

Kaspersky Lab lancia Kaspersky Internet Security 2009 per Ultra-Portable, un’edizione speciale che offre una protezione completa contro il cybercrime.

Gli Ultra-Portable, progettati principalmente per fornire l’accesso a Internet e a semplici applicazioni per l’ufficio, hanno acquisito notorietà perché sono compatti, leggeri, facili da usare e alla portata di tutti.

Tuttavia i netbook non sono in grado di gestire software che richiedono un impiego intensivo delle risorse di sistema; Kaspersky Lab, ha creato dunque questa nuova soluzione per permettere anche agli utenti di netbook di proteggere il loro sistema senza comprometterne le prestazioni.

“Kaspersky Internet Security 2009 edizione speciale per Ultra-Portable, protegge gli ultraportatili dal cybercrime”, afferma Aldo del Bò, Consumer Sales Director di Kaspersky Lab Italia. “La nostra soluzione software, appositamente sviluppata per questi PC “leggeri”, analizza file, e-mail, connessioni a Internet e garantisce le connessioni wireless, comunemente utilizzate dagli utenti di netbook per l’accesso a Internet”. Continua del Bò “con il lancio di una soluzione di protezione dal cybercrime per netbook, Kaspersky Lab Italia si allinea alle nuove esigenze del mercato dei PC, rispondendo alla rapida crescita della domanda di netbook da parte degli utenti”.

Leggi la notizia completa …