Recensione Symantec Norton 360

Il noto software per la sicurezza informatica Symantec Norton 360 arriva allaversione 6.0. Con questo prodotto, che offre una protezione completa dalle minacce che da più parti tentano di attaccare il PC, Symantec offre uno strumento di sicurezza estremamente migliorato nelle prestazioni. La sua installazione è rapida e procede in modo fluido senza problemi. Il programma è in grado anche di rimuovere eventuali altri antivirus precedentemente installati sul computer.

Una volta avviato si presenta con un’interfaccia molto semplice, intuitiva e anche gradevole. Sono presenti una serie di pulsanti che consentono di accedere rapidamente a tutte le funzionalità offerte: Sicurezza PC, Informazioni personali, Backup, Ottimizzazione PC.

Symantec Norton 360 6.0

Il punto di forza di Symantec Norton 360 6.0 è naturalmente la protezione del sistema. Oltre a intercettare ed eliminare i virus, è in grado di alzare una barriera dalle minacce online, proteggendo l’utente dai furti di identità e dai keylogger, bloccando i siti di phishing e analizzando la bacheca di Facebook. Il sistema di protezione blocca i pericoli presenti nella rete neutralizzandoli prima ancora che possano raggiungere il computer per infettarlo. Non poteva ovviamente mancare la gestione di protezione minori che permette di controllare le attività online degli adolescenti tramite Norton Online Family, per proteggerli dai pericoli della rete. Questa funzionalità consente di acquisire informazioni su quali siti Web vengono visitati dai ragazzi, permettendo eventualmente il blocco di pagine web giudicate inappropriate.

Continua la lettura ed effettua il download su PCSELF.COM

Annunci

Adobe Flash Player: rilevata una nuova falla

Dopo Internet Explorer, anche Adobe Flash Player finisce sul banco degli imputati a causa di una falla potenzialmente molto pericolosa, in grado, se sfruttata, di portare ad attacchi zero-day e andando a ricalcare il rischio corso con una identica vulnerabilità rilevata il 14 marzo, quindi nemmeno un mese fa.

Ad essere nel mirino dei criminali informatici è anche l’ultima versione del famoso plug-in per la fruizione di contenuti multimediali e pare, secondo quanto rilevato da alcune fonti, che proprio la fretta di sistemare la falla scoperta il mese scorso abbia portato a rendere vulnerabile il software per la seconda volta in poco tempo.

Secondo quanto si è appreso, basterebbe la creazione di una pagina Web contenente un’animazione preparata appositamente per far sì che si possa eseguire arbitrariamente del codice pericoloso sul computer della vittima, con il rischio di veder installati virus o altre minacce senza che l’utente possa in qualche modo intervenire per impedirne la diffusione sulla propria macchina.

Adobe è comunque al lavoro per vedere di sistemare una volta per tutte la falla ed è presumibile che un aggiornamento verrà rilasciato in tempi brevi. Nel frattempo però, vista l’importanza della minaccia, è consigliabile prestare la massima attenzione durante la navigazione su siti di dubbia provenienza che presentano contenuto in Flash.

Vulnerabilità critica in Flash e Acrobat

Un advisory di sicurezza rilasciato da Adobe segnala una vulnerabilità critica in Flash Player. Il bug è in grado favorire un attacco o causare crash nel sistema interessato. Lo stesso bug interessa anche Acrobat Reader.

Adobe fa sapere che tra una settimana, in anticipo sugli aggiornamenti di sicurezza programmati, verrà rilasciata una patch correttiva per Flash Player e Acrobat Reader.

Fonte PCSELF.COM

Norton Internet Security 2011

Norton Internet Security 2011 di Symantec aggiunge, alle numerose funzionalità dell’Antivirus di Norton, una serie di moduli per combattere le varie diverse minacce che provengono dalla rete. Gli ulteriori strumenti che il pacchetto mette a disposizione includono, tra l’altro, la protezione per i minori, un firewall e un filtro antispam.

Rispetto alla soluzione antivirus, è presente una funzione chiamata “Norton Safe Web” che segnala siti non sicuri o ingannevoli e li blocca prima che possano essere visualizzati dal browser evitando così che possano fare danni. La barriera contro i siti web fraudolenti, creata dai ladri delle identità, si avvale di una buona soluzione antiphishing. Il modulo “Norton Identity Safe” si preoccupa di effettuare una protezione delle informazioni personali quando l’utente effettua acquisti, durante le transazioni bancarie o la semplice navigazione in rete.

La Protezione dei minori aiuta a garantire la sicurezza online dei più giovani. Se ci sono bambini che utilizzano il computer è consigliabile, infatti, controllare e gstire i dati a cui possono accedere tramite Internet. Questa funzione permette che i contenuti della rete vengano filtrati per ciascuno degli utenti del computer.

Il firewall bidirezionale di Norton Internet Security 2011, regolato in modo da non interferire troppo durante il normale utilizzo del computer, difende dagli attacchi esterni segnalando anomalo traffico di rete non autorizzato. Il programma nasconde anche le porte inattive per evitare che vengano rilevate dalle scansioni effettuate con fini di attacco. E’ possibile, naturalmente, intervenire per modificare manualmente i parametri relativi ai programmi.

La protezione antispam, infine, è in grado di filtrare efficacemente le e-mail non desiderate e pericolose che quotidianamente giungono nelle caselle di posta elettronica.

Recensione completa e Download di Norton Internet Security 2011

F-Secure Internet Security 2011

F-Secure Internet Security 2011 è un software dedicato alla sicurezza, semplice da usare e munito di sofisticate funzionalità per combattere il malware. E’ un programma che offre una protezione a tutto tondo, in grado di alzare una barriera contro tutti i tipi di attacchi. Protezione completa, quindi, a partire dal browser, file, link e allegati malevoli.

La tecnologia di F-Secure, in modalità cloud, permette al programma di accedere in modo molto rapido al cloud per analizzare i file sospetti garantendo un’accurata identificazione del malware e una efficace protezione in tempo reale.

Continua la lettura della recensione di F-Secure Internet Security 2011 ..

Falla in Java: grave rischio per i browser

Una vulnerabilità in Java mette a rischio i principali browser come Internet Explorer, Firefox e Chrome. Tavis Ormandy, ingegnere di Google e autore della scoperta, ha spiegato che la falla è legata a tutte le versioni di Java compresa l’ultima Java SE 6 update 19 e permette di eseguire del codice nocivo superando tutte le misure di sicurezza. La vulnerabilità è stata valutata come “estremamente critica” anche dagli esperti di sicurezza informatica di G Data. La società si aspetta una gran mole di attacchi mirata su tutti i computer con sistema operativo Windows.

Dal momento che Java è installato su molti computer, questa nuova vulnerabilità attirerà senza dubbio l’attenzione dei cyber criminali che, in breve tempo, riusciranno a trovare un modo per sfruttarla. Poichè questa falla può essere sfruttata in tutti i browser più utilizzati e non viene bloccata dalle funzionalità di sicurezza implementate in Windows Vista e windows 7, è ipotizzabile un serio danno ad un gran numero di Pc.

Come proteggersi

Disabilitare Java-Script non è sufficiente per proteggersi in maniera adeguata. Dal momento che non è ancora chiaro quando Sun pubblicherà una patch, gli utenti dovranno giocoforza cambiare manualmente le proprie impostazioni. Per i due browser più diffusi questa è la procedura da seguire:

– Per Microsoft Internet Explorer è necessario settare un killbit per la classe ActiveX CAFEEFAC-DEC7-0000-0000-ABCDEFFEDCBA. Un manuale di istruzioni per tale procedura è reperibile al seguente link: http://support.microsoft.com/kb/240797.

– Per Mozilla Firefox bisogna andare sul menu “Extra” e cliccare su “Add-Ons”. Sotto l’intestazione “Plugins” troverete il Java Deployment Toolkit che può essere disattivato cliccando su “Deactivate”.

Maggior informazioni sono disponibili (in inglese) su G Data SecurityBlog.

Nuovo allarme sicurezza per i file PDF

I file PDF finiscono nuovamente nell’occhio del ciclone. Il problema questa volta non è legato ad una vera e propria falla del noto formato per la realizzazione di documenti con testo e foto creato da Adobe, ma al modo con cui Adobe Reader sia in grado di eseguire programmi integrati nel documento PDF o localizzati sul sistema da colpire. La scoperta è stata fatta dal ricercatore Didier Stevens, che ha che ha pubblicato la notizia sul proprio blog corredandola con foto e video (visualizzabile in fondo a questo articolo). Stevens, che non ha pubblicato alcun codice proof-of-concept per motivi di sicurezzza, ha dimostrato come sia stato in grado di avviare il programma cmd.exe di Windows utilizzando un documento PDF.

Adobe, da parte sua, confermando la problematica ricorda che la possibilità di eseguire file inglobati direttamente nel documento PDF fa parte delle specifiche del formato.
Il gruppo si è impegnato a distribuire eventuali patch nel corso dei regolari aggiornamenti trimestrali. Nel frattempo ha proposto una soluzione accessibile tramite il menu “Preferences”, alla voce “Trust Manager”, che consiste nel disabilitare l’esecuzione di allegati non-PDF con applicazioni esterne attiva di default.

Fonte PCSELF.COM