Pene più severe contro lo spam

Lo spam è stato nuovamente oggetto di indagine da parte della Commisisone Europea. Non tutti i Paesi europei adottano gli stessi provvedimenti per combattere il problema, che secondo gli ultimi sondaggi sembra coinvolgere il 65% degli Europei e il 64% degli Italiani. I casi esaminati sono stati 140 in 22 Stati.

Il maggior numero di cause è stato avviato in Spagna (39), Slovacchia (39) e Romania (20). Le sanzioni pecuniarie più alte sono state applicati in Olanda, lo Stato forse più attivo (1 milione), Italia, molto attiva in questa battaglia (570.000 euro, per un caso di spamming con sms), Danimarca (270.000 euro) e Spagna (30.000 euro).

«La lotta contro lo spam deve passare a una marcia superiore. Dobbiamo fare in modo che l’Unione europea adotti una normativa che prevede sanzioni penali e civili contro gli spammer», ha aggiunto la commissaria in una dichiarazione, chiedendo anche ai governi europei di «intensificare i loro sforzi» a livello nazionale.

Secondo le autorità europee occorre portare avanti un processo di collaborazione, per costruire un efficace piano d’intervento, che possa contare su un apporto a livello internazionale. In questo modo si potrà cercare di combattere in maniera valida un fenomeno, che può mettere seriamente in pericolo la riservatezza degli utenti della rete.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...